Antibiotici e probiotici, il delicato equilibrio della flora batterica intestinale

Gli antibiotici svolgono un ruolo essenziale nel rallentare la proliferazione dei batteri dannosi, tuttavia una volta assunti possono avere conseguenze negative per la flora intestinale a causa della distruzione dei batteri benefici che vengono attaccati indiscriminatamente insieme a quelli nocivi per l’organismo.

Senza batteri buoni, i batteri cattivi, resistenti agli antibiotici, proliferano senza controllo, producendo tossine che portano al danneggiamento della parete intestinale, provocandone l’infiammazione e conseguentemente diarrea. Nello specifico, il batterio responsabile di quasi tutti i casi di colite associata ad antibiotici si chiama clostridium difficile.

Un valido aiuto per contribuire al riequilibrio della flora intestinale durante il trattamento con gli antibiotici, può provenire dall’assunzione di probiotici. In questo modo, spiegano gli esperti del Bambino Gesù, sarà possibile ridurre il rischio di sviluppare forme di infiammazione al tratto intestinale.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*