Bambino Gesù, tutti i numeri del primo bilancio sociale

Oltre 26 mila ricoveri nel 2012. È questo l’importante risultato raggiunto dall’Ospedale pediatrico Bambino Gesù. A rivelarlo è stato il primo bilancio sociale presentato nei giorni scorsi dall’Ente pediatrico romano.

Secondo il rapporto, rispetto al 2011 sul piano della cura e dell’assistenza è aumentato il numero dei ricoveri (+5%), a dimostrazione della capacità di accoglienza e ricezione dell’Ospedale. Sono aumentati gli accessi al Pronto Soccorso, dalle 59 mila visite del 2010 alle 71mila del 2012, prova della capacità di far fronte sempre di più ai casi di emergenza pediatrica. Le attività operatorie sono passate da 20 mila a quasi 26 mila (+26% dal 2010, +18% dal 2011), a dimostrazione del riconoscimento dell’Ospedale quale struttura di eccellenza e polo di attrazione per la cura dei minori.

Il bilancio sociale ha evidenziato anche che il 28% dei pazienti ricoverati in regime ordinario provenivano da altre Regioni (Campania 2%, Puglia 14%, Calabria 13%). Il 12% sul totale dei ricoverati erano pazienti di origine straniera. Si conferma, per il 2012, l’elevata produttività dell’attività trapiantologica con quasi 300 trapianti tra rene, cuore, fegato, midollo, cornea, protesi valvolari cardiache e membrane amniotiche.

Per quanto riguarda la ricerca, infine, tra i risultati più significativi ottenuti nel 2012 si segnalano l’identificazione di 9 nuovi geni-malattia nel campo della genetica e delle malattie rare; la messa a punto di modelli di simulazione per ottimizzare la correzione chirurgica delle cardiopatie nel campo delle malattie multifattoriali e dei fenotipi complessi; gli studi sulle cellule B della memoria nell’area di ricerca in immunologia e farmacoterapia; gli studi del profilo immunologico nei trapianti aploidentici in oncoematologia; lo sviluppo di un nuovo software per la valutazione delle acquisizione delle tecnologie sanitarie, per le innovazioni clinico-tecnologiche; lo sviluppo di tecniche chirurgiche mini-invasive sul piano delle innovazioni clinico-assistenziali.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*