Diabete, glicemia e alterazione dei valori

Il valore glicemico indica la concentrazione di glucosio nel sangue, livello che deve essere mantenuto costante dall’organismo durante tutto l’arco della giornata. A questo proposito il principale ormone adibito alla regolazione è rappresentato dall’insulina, ipoglicemizzante prodotto dal pancreas e indispensabile al metabolismo degli zuccheri.

Il diabete provoca un’alterazione dei valori glicemici costringendo chi ne soffre ad effettuare operazioni di automonitoraggio. Valori di glicemia uguali o superiori a 126 mg/dl sono da considerarsi probabili sintomi della malattia.

Nei soggetti con una sana alimentazione i valori si mantengono tra i 60 e i 130 mg/dl. A digiuno la rilevazione può raggiungere un picco tra i 70 e 110 mg/dl. Nel caso in cui si rilevi invece una condizione tra 100 e 125 mg/dl si è affetti da alterata glicemia a digiuno. In questo caso sarà necessario porre maggiore attenzione al proprio stile di vita per cercare di correggere la patologia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*