Ecco il macchinario per il sequenziamento genomico del Bambino Gesù

È entrato in funzione da poco ma sta già producendo i primi importanti risultati scientifici. Il Next generation sequencing (Ngs), l’innovativo macchinario per lo studio del genoma umano sta già mettendo a disposizione dei ricercatori dell’Ente Pediatrico romano dati fondamentali per il loro lavoro.

Il Bambino Gesù ha potuto dotarsi di questo innovativo strumento grazie e alla generosa donazione della Fondazione Barbareschi. La onlus, che ha interrotto la propria attività lo scorso maggio, aveva infatti deciso di destinare le giacenze residue di gestione (100 mila euro) all’acquisto dell’Ngs.

Grazie a questo macchinario, l’Opbg mira a fare significativi passi in avanti nel campo della comprensione dei rapporti fra il genoma umano e l’ambiente, “rapporti che – ha spiegato il Direttore scientifico del Bambino Gesù, Bruno Dallapiccola sono alla base di moltissime malattie semplici e complesse”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*