Giornata mondiale del rifugiato, le iniziative del Bambino Gesù

Il 20 giugno si celebra la giornata nazionale del rifugiato, istituita nel 2001 in segno di solidarietà verso le persone costrette ad allontanarsi dal proprio paese di origine per motivi politici, religiosi e razziali o di opinione. Soprattutto, la giornata è dedicata alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica su questo tema.

L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù offre un servizio di accoglienza internazionale, con lo scopo di prendersi cura delle famiglie dei piccoli pazienti della struttura. Un aiuto a 360 gradi che comincia dall’abbattimento delle barriere linguistiche e prosegue con servizi di consulenza, ascolto, orientamento e supporto delle famiglie, in tutte le loro necessità non cliniche.

Questo tipo di aiuto è oggi particolarmente importante: un paziente su dieci al Bambino Gesù è di origini straniere; di questi il 42% proviene dall’Unione europea, il 15% dall’Europa centro orientale e il 9% dall’Africa del nord e dall’America centro meridionale, l’8% dall’Asia centro meridionale.

Le mediazioni culturali sono il fulcro delle iniziative dell’Ospedale Pediatrico: nell’ultimo anno ce ne sono state 1300 in 30 lingue diverse, tra curdo, polacco, swahili e ucraino; il numero telefonico 06.68592688 è dedicato alla soluzione dei problemi legati ai pazienti stranieri nell’ambito dell’Ambulatorio “Bambino Migrante”.

Nelle sedi di Gianicolo e San Paolo ci sono ambulatori dedicati interamente alla salute dei bambini migranti, con particolare attenzione alle vaccinazioni e alle diagnosi di malattie presenti in determinate zone geografiche. Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30; per accedere all’ambulatorio in entrambe le sedi basta chiamare il CUP (Centro Unico Prenotazioni) del Bambino Gesù al numero 06.68181 o l’URP (Ufficio relazioni con il pubblico) allo 06.6859.2780.

Nel seguente video la dottoressa Lucia Celesti, responsabile dell’accoglienza e servizi per la famiglia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, ci illustra le iniziative portare avanti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*