Gli sport adatti alle diverse età del bambino

Fare sport è importante per il corretto sviluppo e benessere fisico del bambino e per il grande aiuto che può dare nell’apprendere valori come l’impegno, la disciplina, il gioco di squadra. Ci sono diverse attività che si adattano meglio all’età del bambino: gli esperti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ci consigliano quali sono i più idonei.

Già in età prescolare si raccomanda il nuoto, tra gli sport più completi per uno sviluppo fisico armonico; inoltre fino ai 7-8 anni sono consigliate attività grazie alle quali il bambino può migliorare la propria coordinazione neuro motoria e imparare a conoscere e utilizzare al meglio il suo corpo nello spazio.

Per le discipline collettive come calcio basket, pallavolo, rugby, è meglio aspettare dai 7-8 anni in poi, in cui si è più maturi e disposti a capire il significato del gioco di squadra e i benefici della collaborazione tra pari. Gli sport individuali come ciclismo, arti marziali, sci, ginnastica, sono importanti per accrescere il senso di responsabilità, per capire i limiti e le qualità del proprio fisico, la resistenza alla fatica.

Ci sono attività come la scherma, il tennis, il tiro con l’arco che insegnano a maneggiare un attrezzo sportivo e coordinarsi in base a questo: sono consigliati dai 9-10 anni in poi.

All’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù è stata predisposta una Struttura di Medicina dello Sport dedicata alla valutazione e alla certificazione medico-sportiva dei piccoli pazienti affetti da patologie come malattie oncologiche, renali, polmonari o neuromuscolari. Oltre ai benefici fisici e motori, l’attività sportiva è importante anche per aumentare l’autostima del paziente e vivere la malattia con atteggiamento diverso.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*