Il ministro degli Esteri elogia il Bambino Gesù per il suo impegno in Sud America

Un riconoscimento al lavoro svolto da tutto il personale del Bambino Gesù è arrivato ieri dal Ministro degli Esteri Giulio Terzi. Presente alla firma dell’accordo, fra l’ospedale romano e l’Istituto Italo-Latino Americano (Iila), per la formazione di medici pediatri in Sud America, il titolare della Farnesina ha voluto ricordare “le pregevoli iniziative del Bambin Gesù”.

In particolare, il ministro ha elogiato quanto è stato fatto nel campo “della cardiochirurgia infantile grazie ai programmi realizzati, sotto gli auspici dell’Iila, dall’ospedale romano, unitamente all’Ospedale Cabral di Santo Domingo e all’Ospedale Bloom di San Salvador”. Terzi ha citato anche “l’ampio programma di formazione per la cura pediatrica dell’AIDS in Centro America, varato nel 2007 dalla Cooperazione Italiana, d’intesa con il Bambino Gesù e con l’Iila”.

All’evento erano presenti anche il Segretario Generale dell’Iila, ambasciatore Giorgio Malfatti, il segretario della Santa Sede per i Rapporti con gli Stati, Monsignor Dominique Mamberti, e il presidente dell’Ospedale Bambino Gesù, Giuseppe Profiti, che ha svelato i dettagli dell’accordo.

Nello specifico, saranno dieci i Paesi dell’America Latina e caraibica che per primi potranno usufruire del nuovo programma di cooperazione. Dieci moduli formativi semestrali che porteranno negli ospedali fino a 30 medici specializzati. L’obiettivo è tutelare quella che è la risorsa più preziosa in medicina e in particolare in pediatria: il capitale umano.

“I medici o il personale infermieristico proveniente dalle diverse realtà – ha spiegato Profiti – vengono inseriti in questi programmi formativi presso l’ospedale e poi calati all’interno del Paese, accompagnati da équipes specializzate del Bambino Gesù. Le aree di interesse sono in modo particolare le grandi patologie a diffusione ampia, con risvolti sociali anche di un determinato peso, come per esempio l’Aids, malattie dell’apparato respiratorio e altre patologie di questo genere”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*