Inaugurato il progetto “Scuola Angelini” per i bambini ricoverati in ospedale

I piccoli pazienti ricoverati in ospedale hanno bisogno di proseguire un percorso scolastico, sia dal punto di vista dell’apprendimento che per la continuità con la vita di tutti i giorni. Grazie all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù da oggi è possibile: insieme alla Fondazione Angelini, CONI e alla Società Italiana di Pediatria, è stata inaugurata oggi l’iniziativa “La Scuola Angelini” con l’obiettivo di contribuire alla crescita e alla formazione dei bimbi in ospedale.

“Siamo lieti di essere tra i beneficiari di questo progetto – commenta Giuseppe Profiti – L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù è tra i pionieri della Scuola in Ospedale e sappiamo quanto sia importante permettere a bambini e ragazzi ricoverati o in day hospital di dare continuità al percorso didattico. Progetti come La Scuola Angelini danno la possibilità di arricchire il programma con strumenti didattici che consentono di imparare divertendosi”.

L’inaugurazione del progetto ha avuto luogo nella sede principale dell’ospedale, con la partecipazione di Francesco Angelini, presidente dell’omonima Fondazione, del presidente del CONI Giovanni Malagò e del presidente del Bambino Gesù Giuseppe Profiti. Durante la giornata è stato consegnato all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù il “Mobile delle Scoperte”: un contenitore di esperienze, stimoli e attività dedicato agli insegnanti e alunni delle scuole primarie. Realizzato grazie alla collaborazione dell’Istituto Comprensorio Virgilio per la parte didattica e all’artista Silvia Zacchello per la parte artigianale, il mobile contiene diverse schede operative e materiali a disposizione dei pazienti per imparare in maniera divertente e interattiva: dal funzionamento del corpo umano alle attività e discipline sportive (realizzate dal CONI).

Inoltre ogni piccolo paziente avrà a disposizione il suo Diario delle esplorazioni, un quaderno-diario individuale che si ispira alle basi della della medicina narrativa, in chiave pedagogica e ludico-educativa.

Oltre all’Ospedale romano, saranno altre 10 le strutture beneficiarie del progetto, in altrettante città italiane: Bergamo, Milano, Novara, Bologna, Massa Carrara, Ancona, Verona, Napoli, Bari e Palermo.

“Un progetto che coniuga formazione didattica con attenzione al benessere psico-fisico, proponendo contenuti che favoriscono anche atteggiamenti di prevenzione e aiutano i bambini a essere protagonisti attivi e consapevoli”, dice Giovanni Corsello, Presidente della SIP.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*