Le malattie reumatiche in età pediatrica

Le malattie remautologiche nella concezione comune sono legate alle persone anziane o comunque adulte: purtroppo anche circa 10mila bambini in Italia ogni anno vengono colpiti da questo tipo di patologie.

Una diagnosi precisa e veloce è spesso la soluzione migliore per trovare una cura efficace, basandosi essenzialmente sulla visita del bambino e sulla sua storia. All’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù gli esami di laboratorio aiutano il medico nella diagnosi, anche se non esistono test di laboratorio specifici. Tra le maggiori manifestazioni cliniche che permettono diagnosi efficaci in questo senso ci sono:

- la cardite: infiammazione del cuore o più spesso delle valvole del cuore;
- l’artrite di più articolazioni;
- la corea: movimenti involontari (tremori) della faccia e delle mani e delle braccia e delle gambe;
- i noduli sottocutanei: piccole tumefazioni dolenti sotto la cute vicino alle articolazioni;
- l’eritema marginato: chiazze color salmone sul corpo e arti.

Tra quelle minori, invece, vanno valutati sintomi come

- la febbre;
- le artralgie, cioè dolori alle articolazioni, che sono di aspetto normale;
- l’alterazione all’elettrocardiogramma;
- un aumento, visibile dall’elettrocardiogramma, degli indici infiammatori quali la VES (velocità di erotrosedimentazione) e proteina C reattiva

I sintomi più frequenti compaiono a distanza di 1 -5 settimane dall’infezione, come l’artrite (ginocchio e caviglia molto gonfie e arrossate); i noduli sotto cutanei; la corea (movimenti involontari che si manifestano molto precocemente); l’eritema marginato diffuso su corpo, braccia e gambe; febbre, stanchezza e dolori addominali.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*