“Le stelle sono colorate”. La chiacchierata dei bambini con l’astronauta

“Le stelle in mancanza di atmosfera si vedono colorate: sono rosse, gialle, blu”, lo ha raccontato ieri ai piccoli pazienti del Bambino Gesù, l’astronauta Luca Parmitano, e lo ha fatto direttamente dallo spazio.

È riuscito, infatti, il collegamento radio tra Parmitano, che si trova a bordo della Stazione spaziale internazionale, e i bambini. “Visto da quassù il mondo appare senza confini. La terra è bellissima, un gioiello blu in mezzo al nero”, ha detto l’astronauta. È stata la prima volta, nella storia dei collegamenti radio con lo spazio, che l’iniziativa viene realizzata all’interno di una struttura sanitaria italiana. I bambini hanno potuto dare sfogo con le domande alle tante curiosità sullo spazio.

“Chi ti cura se ti ammali? – gli ha chiesto un piccolo paziente. “Ognuno di noi ha fatto dei corsi di primo corso, ormai sono un mezzo dottore anch’io. Ma se stiamo male ci seguono dalla Terra”. E poi la domanda invetriabile: “Gli alieni li hai incontrati?”. “Gli alieni li ho visti sulla terra – ha risposto simpaticamente – di cose strane ne ho viste tante”.

La voce dell’astronauta ha raggiunto la ludoteca dell’Ospedale padiatrico alle 14:36 approfittando del passaggio sopra l’Europa della Iss. Oltre al collegamento radio, le immagini dei ragazzi sono state trasmesse in streaming sul sito dell’Amsat (gruppo di volontari che si occupa delle comunicazioni via satellite).

2 Risposta per ora

  1. [...] Dopo aver chiacchierato con loro mentre era in missione nello spazio, Luca Parmitano incontra i piccoli pazienti del Bambino Gesù. Mercoledì 11 dicembre L’astronauta [...]

  2. [...] chiesto di andare con lui al prossimo viaggio nello Spazio. Come era successo in occasione del collegamento radio con la Stazione spaziale dello scorso 10 luglio, Parmitano ha scatenato la curiosità dei bambini che gli hanno rivolto numerose domande, alcune [...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*