Lo stile di vita dei papà condiziona la salute del bambino anche prima del concepimento

Smettere di fumare, condurre uno stile di vita sano, evitare l’esposizione a sostanze tossiche e l’assunzione di alcuni farmaci: le buone regole di vita consigliate quando si aspetta un bambino, vanno applicate non solo alla mamma, ma anche al papà. Soprattutto, sono da seguire anche prima del concepimento.

Lo rivela uno studio dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, condotto attraverso un questionario online su un campione di oltre mille futuri papà. I comportamenti e gli stili di vita non sani del genitore possono compromettere la salute del nascituro in diverso modo.

Ad esempio l’obesità paterna è un fattore che aumenta il rischio di alterazione del DNA fetale nelle prime fasi di crescita embrionale, mentre il fumo condiziona l’inibizione della fertilità e il rischio di malformazioni congenite cardiache, anorettali e delle vie urinarie. Inoltre i figli di padri fumatori hanno il 25% di possibilità in più di sviluppare la leucemia linfoblastica acuta infantile, rischio che aumenta del 44% se il genitore fuma più di 20 sigarette al giorno.

Attenzione anche all’utilizzo di determinati farmaci: alcuni principi attivi, presenti in antinfiammatori, antipertensivi, antipsicotici o in medicine per la cura di problemi gastrici, possono accrescere del 50% il rischio di complicanze della gravidanza e di difetti congeniti.

Dalle interviste emergono una serie di dati preoccupanti:il 45% dei partecipanti dichiara di essere obeso o sovrappeso, il 34% sostiene di aver fumato nel periodo prima del concepimento e il 47% fa uso di farmaci, anche se non rientrano tra quelli più nocivi per il feto.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*