Malattie esantematiche: calano i vaccini, aumentano i casi di morbillo

Negli ultimi anni, in seguito alla diffusione di studi mai confermati scientificamente che mettevano in relazione vaccinazioni e autismo, è calato il numero dei bambini vaccinati per le malattie esantematiche. Il risultato è stato, purtroppo negativo: sono infatti aumentati i casi di malattie quasi debellate, come la rosolia e il morbillo.

Secondo la dottoressa Caterina Marabotto, dell’Ambulatorio Malattie Infettive della Pediatria Multispecialistica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Palidoro, la gravità di queste malattie è purtroppo spesso sottovalutata. “Per quanto riguarda la rosolia, il rischio maggiore è soprattutto per le donne in gravidanza. Le sindromi da rosolia congenita possono infatti produrre nel feto danni gravissimi”, spiega la dottoressa Marabotto. Il morbillo ha invece “un decorso molto lungo ed è fortemente debilitante”. Sono principalmente le complicazioni a preoccupare: “Nel 2013 in Europa sono stati segnalati tre casi di decesso per morbillo – sottolinea il medico – Ciò non dovrebbe più accadere”.

L’Organizzazione mondiale della Sanità ha stimato 122 mila vittime del morbillo nel 2012, contro 560 mila casi del 2000. L’obiettivo è quello di debellare la malattia entro il 2015.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*