Migliorare l’accoglienza in ospedale con il gioco: ecco la Ludotac

Migliorare la permanenza in ospedale dei piccoli pazienti è da sempre uno dei cavalli di battaglia del Bambin Gesù. Fra le tante iniziative messe in campo, una delle più apprezzate è la “Ludotac”.

Si tratta di una riproduzione in scala dell’apparecchio per la tomografia assiale computerizzata. Una versione giocattolo che permette ai bambini di familiarizzare, attraverso il gioco, con questo tipo di esame diagnostico.

“Gli accertamenti medici in età pediatrica sono eventi stressanti per il bambino e per la sua famiglia, occorre quindi  ridurre l’impatto traumatico che tali esperienze possono avere sullo sviluppo psicologico dei nostri piccoli pazienti – sottolinea Simonetta Gentile, Psicologia clinica, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù -. Questo permette di stabilire un clima sereno e di reciproca fiducia e collaborazione tra operatori sanitari e pazienti occorre ridurre l’ansia legata al “non conosciuto”.

Come riportato dal portale dell’ospedale, tranquillizzare i bambini alle prese con un esame diagnostico come la Tac vuol dire anche ridurre il ricorso alla sedazione, obiettivo estremamente importante nell’ambito della radiologia pediatrica.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*