Niente fumo in Ospedale al Gianicolo e a San Paolo

Ogni gesto compiuto da un genitore è, agli occhi di un figlio, accettato e trasformato in un modello di vita da imitare. Per questo motivo il Bambino Gesù ha fatto partire una battaglia contro un’abitudine pericolosa per salute: il fumo.

A partire da ottobre è vietato fumare nelle sedi del Gianicolo e di San Paolo. Il divieto di accendere una sigaretta coinvolge tutti gli spazi, al chiuso e all’aperto. Le motivazioni della scelta sono tante. Prima fra tutte la tutela dei non fumatori: il congestionamento delle aree esterne, così a ridosso delle strutture ospedaliere dedicate all’assistenza, aumenta il rischio di essere sottoposti al fumo passivo.

Questa iniziativa è anche il principio ispiratore di una campagna che sta per essere lanciata, dal titolo “Papà perché fumi? Mamma perché fumi?”. Già dal nome è possibile capire lo scopo, che è quello di promuovere una riflessione sulle abitudini immotivate e pericolose per la salute. Chiedere il perché di un comportamento ad un adulto vuol dire porlo di fronte al fatto che i figli hanno bisogno di risposte sul significato delle loro azioni.

Se queste risposte non arrivano si rischia di trasferire ai bambini oltre al gesto, anche il concetto che ci sono azioni legittime a prescindere dalle ragioni che le guidano. Un vero danno per il loro futuro di adulti sani e consapevoli delle proprie scelte.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*