Recupera la vista grazie al trapianto di cellule staminali corneali

I medici dell’Unità operativa di Oculistica del Bambino Gesù sono stati tra i primi al mondo a utilizzare sui bambini moderne tecnologie di formidabile valore medico e scientifico.

Grazie al loro lavoro sono riusciti a ridare la vista a una paziente affetta da glaucoma congenito bilaterale. Oggi la ragazza ha 21 anni, ma già dalla tenera età si è dovuta sottoporre a diversi trapianti. Il primo, di entrambe le cornee, all’età di 6 anni. L’intervento le ha permesso di riacquistare la vista dall’occhio destro. Per quanto riguarda l’occhio sinistro, invece, erano stati effettuati tre tentativi (l’ultimo nel 2003) che si erano purtroppo conclusi con altrettanti rigetti.

Sembrava non potessero profilarsi soluzioni fino a quando il dottor Paolo Capozzi, responsabile della chirurgia e dell’attività ambulatoriale dell’unità operativa di oculistica, che ha da sempre in cura la ragazza, ha iniziato ad interessarsi di cellule staminali corneali.

“Da quando sono iniziati i miei studi sulle staminali – spiega il dottor Capozzi sul portale dell’Ospedale – ho capito che la ragazza andava sempre incontro a rigetto perché le mancavano ormai cellule staminali corneali vitali, che potessero consentire l’attecchimento di un trapianto. A quel punto mi sono messo in cerca di eventuali donatori”.

Eccezionalmente, da un esame fatto nel dicembre del 2010, la sorella più piccola della paziente ha dimostrato una compatibilità del 100%. “L’eccezionalità del caso – spiega il dottore – consiste nel fatto che è estremamente raro trovare un fratello o una sorella che siano compatibili al 100%. Ho quindi operato, nella stessa giornata, entrambe le sorelle, trapiantando le staminali nell’occhio sinistro con il supporto di una membrana amniotica presa dalla Banca degli Occhi dell’Ospedale San Giovanni”.

Dopo 10 mesi (era l’ottobre del 2012) un nuovo trapianto di cornea che, finalmente, ha permesso alla paziente di recuperare la vista (2/10 di visus naturale) anche nell’occhio sinistro.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*