Sindrome da morte improvvisa, controllati 1500 bambini delle scuole romane

Sono 1578 i bambini delle scuole materne ed elementari di Roma e provincia che hanno già aderito al programma di monitoraggio cardiaco dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Il progetto è portato avanti dalla Unità operativa complessa (UOC) di Aritmologia dell’OPBG di Palidoro, che negli ultimi 12 mesi ha condotto screening aritmologici nelle scuole comunali “Pyrgus”, “Vignacce” e “Centro” di Santa Marinella, e agli istituti “Romualdo Formato” e “Virgilio” di Roma.

L’iniziativa è stata pensata nell’ambito delle attività di prevenzione della “sindrome da morte improvvisa”, che in età pediatrica può colpire bambini anche apparentemente sani. Un evento tragico e poco prevedibile, che tuttavia nel 90% dei casi è riconducibile ad anomalie cardiache che possono essere individuate con un semplice elettrocardiogramma e quindi tenute sotto controllo. Del campione sottoposto a screening fino ad oggi, meno della metà aveva già eseguito un esame elettrocardiografico e solo come controllo supplementare per la certificazione all’idoneità sportiva non agonistica.

I dati raccolti nel primo anno hanno riguardato 1.578 bambini e ragazzi tra i 3 e i 13 anni. Di questi 23 hanno presentato delle anomalie in sede di elettrocardiogramma e solo 4 (lo 0,25%) patologie cardiache degne di nota.

 

2 Risposta per ora

  1. Salvina Patane' scrive:

    Salve io vivo a Catania c é un centro qui dove fare questo screening? Grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*