Soffio al cuore, tutto quello che c’è da sapere

Il soffio non è una malattia, ma solo un “rumore” che si apprezza ascoltando il cuore di un bambino con il fonendoscopio e che tende a risolversi quasi sempre in maniera spontanea nel corso della crescita.

Il soffio cardiaco può essere fisiologico o dovuto ad una patologia del cuore.

Il soffio fisiologico è sistolico, dolce/musicale e si percepisce su tutti i punti standard di ascoltazione. Di debole intensità, varia con le fasi di respirazione e posizione ed è dovuto al rumore del sangue che scorre all’interno del cuore. Con la crescita diventa sempre più difficile percepirne il rumore in quanto trasmesso più difficilmente all’esterno della cavità toracica sempre più grande.

Qualora il pediatra non sia in grado di riconoscere il soffio come fisiologico o patologico sarà necessario effettuare una visita cardiologica. La prescrizione di un eventuale ecocardiogramma deve essere sempre supportata da un fondato sospetto diagnostico.

Ad ogni modo è bene considerare che se il bambino sta bene ed ha un’età superiore a due mesi, il soffio cardiaco non sarà mai espressione di una grave malattia congenita del cuore. Tutti i piccoli con cardiopatie gravi presentano infatti sintomi entro i primi giorni o al massimo entro i primi 45-60 giorni di vita.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*