Troppa pioggia accresce il rischio di reazioni allergiche nei bambini

In inverno la pioggia può diventare nemica di chi soffre di allergie. Il dato è emerso nel corso di un convegno che si è svolto oggi all’Ospedale Bambino Gesù.

Secondo quanto detto dai relatori nel corso dell’incontro, dopo i violenti nubifragi che hanno colpito l’Italia e in particolare la capitale e Fiumicino, nella settimana dal 31 gennaio al 7 febbraio 2014 è stata registrata un’impennata di accessi per patologie respiratorie (bronchiti, bronchioliti, polmoniti, asma): + 22,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno non caratterizzato da particolari fenomeni atmosferici.

L’aumento degli accessi all’ospedale per questo motivo è stato ancora più consistente (+ 29,2%) nella sede del Bambino Gesù di Palidoro, presidio ospedaliero cui fa capo tutta l’area del litorale, Fiumicino compreso “Questi dati – ha sottolineato nel corso del convegno Alessandro Fiocchi, responsabile di Allergologia del Bambino Gesù – confermano che le muffe sono causa non solo di allergia, ma la loro presenza aumenta le infezioni respiratorie. Analoga situazione è stata registrata nelle zone del Veneto interessate dalle esondazioni”.

Secondo gli esperti, dunque, grandi concentrazioni di acqua favoriscono la proliferazione di muffe e, conseguentemente, di micro-tossine. Queste, soprattutto nei soggetti più delicati, come i bambini, possono scatenare reazioni allergiche anche immediate: dermatiti, eczemi, riniti, ma anche problemi dell’apparato respiratorio come bronchiti e asma.

Proprio i “danni da pioggia” nei più piccoli è stato l’argomento principale del convegno di oggi, intitolato “Inquinamento ambientale e malattia allergica del bambino”. L’appuntamento ha riunito all’Auditorium del Bambino Gesù di San Paolo Fuori Le Mura esperti italiani e internazionali di questo ambito. Fra gli altri hanno partecipato: Renato Cutrera, responsabile di Broncopneumologia del Bambino Gesù, Diego Peroni, docente di Pediatria all’Università di Verona, e James Sublett, presidente dell’American College of Allergy, Asthma and Immunology.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*