Un nuovo servizio di riabilitazione visiva al Bambino Gesù

Un nuovo servizio di riabilitazione visiva pediatrica all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù è stato presentato oggi in occasione della “Giornata Mondiale della Vista”.

Si tratta di un percorso multidisciplinare attivato presso la sede di Santa Marinella, punto di riferimento internazionale per la ricerca e la cura per bambini e adolescenti. L’idea, nata dalla collaborazione fra l’ospedale romano e l’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità (Iapb), è stata presentata oggi alla Camera dei Deputati.

“Con l’attivazione di questo nuovo percorso di riabilitazione visiva – sottolinea Luca Buzzonetti, responsabile dell’Unità Operativa di Oculistica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù – si completa l’offerta assistenziale che collega l’aspetto clinico alla realtà sociale in cui il bambino vive. Insegnare a un bambino a sfruttare al massimo le proprie capacità visive – ancorché gravemente ridotte – significa metterlo in condizione di avere un’autonomia e di avere la possibilità di relazionarsi con il mondo esterno”.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), nel mondo vivono 246 milioni di ipovedenti e 39 milioni di ciechi. Nell’80% dei casi la disabilità visiva è prevenibile. Solo in Italia l’Istat ritiene che vivano circa 362mila ciechi, mentre gli ipovedenti si stima che siano oltre un milione.

In questo senso – come si legge sul portale del Bambini Gesù – la prevenzione e la riabilitazione visiva possono salvare i nostri occhi. Una diagnosi precoce, infatti, potrebbe preservare il senso che ci fornisce più informazioni sul mondo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*